Programmi per impaginare a confronto

Attualmente sul mercato esistono diversi tipi di software per l’impaginazione: a partire dai programmi professionali come Adobe InDesign e QuarkXPress che dominano il mercato, quindi le risorse open source tra le quali spiccano Scribus e LaTeX, e infine le soluzioni Microsoft, ovvero Word e Publisher.

Tra gli strumenti più efficaci per assemblare testi, dati e immagini, in un prodotto editoriale finito, troviamo anche Pagination.com, l’unica soluzione per l’impaginazione automatica completamente cloud-based di tutto il mercato dell’impaginazione.

Ognuna di queste risorse si distingue per differenti caratteristiche tecniche, facilità d’uso, performance, reperibilità e costi.

In questa pagina tracceremo una breve descrizione di ognuna di esse e le metteremo a confronto:


 

Adobe InDesign

InDesign è un software di impaginazione per Windows e Mac OS rivolto all’editoria professionale prodotto per la prima volta da Adobe System nel 1999.

Erede di Adobe PageMaker, è un sistema usato per l’impaginazione di qualsiasi prodotto editoriale, e in particolare libri, riviste e giornali. Tra le sue caratteristiche principali: il supporto multilingua, la gestione avanzata di caratteri OpenType, la possibilità di gestire effetti di trasparenza, e la forte integrazione con gli altri prodotti di casa Adobe.

In riferimento ad un solo documento, è possibile gestire pagine di varie dimensioni, inserire testi e paragrafi su più colonne grazie a semplici tool, vagliare e cambiare facilmente gli oggetti. Inoltre il programma da la possibilità di creare con relativa facilità documenti interattivi e proposte multimediali in cui aggiungere elementi audio e video. Adobe InDesign supporta anche l’esportazione in EPUB e SWF, formati per la creazione di e-book e pubblicazioni digitali, tra cui riviste digitali e contenuti idonei al consumo su tablet. Inoltre, InDesign gestisce pure XML, fogli di stile, e altri markup di codifica, che consentono l’esportazione di contenuti testo con tag per l’utilizzo in altri formati digitali e on-line.

Le versioni più recenti di InDesign hanno aggiunto nuove funzioni al programma, tra le quali i layout fluidi, ovvero automaticamente adattabili a diversi dispositivi, e la possibilità di collegare tra di loro contenuti diversi, in modo tale che le modifiche apportate ad un oggetto si riflettano di conseguenza anche in altri.

Dalla versione CS6, InDesign viene proposto all’interno dell’Adobe Creative Cloud insieme agli altri software Adobe. La suite viene venduta in abbonamento con canone mensile attivabile attraverso un account Adobe e affittando le licenze in base alle diverse opzioni disponibili. In questo modo è venuta a cadere una delle maggiori critiche rivolte a InDesign, ovvero l’inaccessibilità in termini di costi d’acquisto.

Svantaggi:

  • è un programma “pesante” che comporta un notevole dispendio di risorse del computer;
  • la complessità di utilizzo non lo rende adatto ai principianti e ai meno esperti, per i quali sarebbe opportuno optare per un software dalle funzionalità più basiche ed essenziali.

 

Pagination.com

Dal 2015 Pagination.com è fra i pochi al mondo ad offrire un servizio cloud di impaginazione automatica. Questa soluzione permette di gestire e creare cataloghi e listini perfetti a partire da un semplice foglio di calcolo.

Il flusso di lavoro è semplice e viene gestito attraverso una struttura di cartelle condivise online. Si caricano sulla piattaforma online layout, dati e immagini, e dopo poco tempo si scaricano i documenti completi e finiti, perfettamente impaginati in formato InDesign o PDF. Pronti per la stampa o per essere condivisi online o su device mobili.

L’impaginazione automatica ottimizza il processo di impaginazione di cataloghi e listini prezzi grazie a un servizio online in grado di gestire basi di dati strutturate nei formati più comuni: Excel, AS/400, SQL, TXT, e XML e poi riproporle in documenti fatti e finiti su cui non è più necessario mettere mano.

Pagination garantisce una serie di vantaggi rispetto a tutti gli altri software:

  • RISPARMIO SUI COSTI
    La spesa per l’impaginazione dei cataloghi si riduce dell’80%.
  • RISPARMIO SUI TEMPI
    La realizzazione del catalogo richiede solo poche ore invece di settimane o mesi di tempo.
  • FACILITA’ DI UTILIZZO
    L’uso del sistema di upload e download online non richiede alcuna particolare competenza tecnica.
  • MAGGIORE EFFICACIA
    Il flusso di lavoro automatico garantisce la massima precisione nell’inserimento dei dati.
  • AGGIORNAMENTI
    La sincronizzazione online aggiorna istantaneamente file Excel e documenti.
  • PERSONALIZZAZIONE
    Il processo consente un’ampia personalizzazione di formati e layout.
  • CLOUD
    Potrai accedere quando vuoi e da qualsiasi postazione, basta avere un collegamento ad Internet.
  • STRATEGIA MULTICANALE
    Ne risultano documenti completi pronti per essere condivisi via print, web e mobile.

Un altro plus di Pagination è di essere disponibile in prova gratuita. La prova può anche basarsi direttamente sui vostri dati, contattando Pagination a questo indirizzo: support@pagination.com. Se invece il progetto editoriale è ancora in fase iniziale, il consiglio è di contattare Pagination che vi fornirà esempi pratici per quanto riguarda la struttura dei dati, il layout e la gestione delle immagini.


 

QuarkXpress

QuarkXpress è un software di impaginazione per Windows e Mac OS creato nel 1987 da Quark Inc.. Attualmente il programma è alla versione QuarkXpress 2016.

Tra le caratteristiche principali si evidenzia la sua produttività elevata, il controllo del posizionamento degli elementi sulla pagina, il quale offre l’elevata precisione di 0,001 mm. A questo si aggiungono la facile espandibilità del prodotto tramite l’utilizzo di moduli in codice binario sviluppati da Quark stessa o terze parti (molte agenzie pubblicitarie e case editrici hanno costruito cosiddetti sistemi redazionali, ambienti personalizzati di gestione del materiale e di impaginazione semi-automatica basati su QuarkXPress), evolute funzioni di scripting e una stabilità del programma generalmente citata come esemplare.

Le versioni recenti di QuarkXPress hanno posto sempre più l’accento sullo sviluppo del web design, la creazioni di documenti PDF e il supporto XML, frustrando le aspettative di una larga parte degli utenti che ritiene prioritari l’allargamento e il miglioramento delle funzioni di prepress.

Svantaggi:

  • costi elevati;
  • intervalli troppo lunghi tra una versione e l’altra.

 

Scribus

L’alternativa open source ai migliori software a pagamento è Scribus, programma realizzato a partire dal 2003 da un team che ne ha adottato anche il nome. Scribus si basa su una libreria Qt, è stato sviluppato in multipiattaforma (Unix, Linux, Mac OS X, Microsoft Windows, etc.) e in multilingua, italiano compreso. L’ultima versione è datata 2016.

La sua semplicità di utilizzo, le sue funzionalità e il suo approccio professionale lo rendono uno dei programmi d’impaginazione più apprezzati dagli utenti, anche da quelli che non vantano conoscenze informatiche approfondite.  Esempi d’utilizzo includono produzione di newsletter, piccoli quotidiani e presentazioni in PDF interattive e animate. E ancora la realizzazione di materiali aziendali, volantini, piccoli poster, e altri documenti che richiedono un layout flessibile. Scribus è stato utilizzato anche per produrre interi libri.Scribus supporta molti dei formati grafici più diffusi, oltre al formato SVG, i colori CMYK, la gestione dei colori ICC e gli script (programmabilità tramite macro) in linguaggio Python.

Per il suo utilizzo si può partire dai template predisposti, anche se effettivamente non eccelsi dal punto di vista grafico, oppure crearne altri ex novo; le modalità di impaginazione si risolvono spostando e trascinando gli elementi all’interno della pagina, a piacimento. I lavori possono essere salvati nei formati di testo e immagine più popolari.

Svantaggi:

  • design e interfaccia graficamente poco curati;
  • un sistema eccessivamente severo riguardo ai font: tutti quelli invalidi o corrotti vengono automaticamente disattivati.

 

LaTex

LaTeX è un linguaggio di programmazione usato per la preparazione di testi basato sul programma di composizione tipografica TEX. La versione più attuale è denominata LaTeX2?. LaTeX venne creato nel 1985 da Leslie Lamport e adesso è mantenuto da Frank Mittelbach.

Si tratta di uno strumento non facilissimo da utilizzare, sebbene esistano in rete molti template e anche spiegazioni che indicano in modo chiaro ed esaustivo le linee guida principali del sistema. Una certa indiscutibile complessità di questo software articolato e ricco di funzioni, è però ampiamente riscattata dagli eccellenti risultati che si possono ottenere. Riesce infatti a garantire funzioni di desktop publishing programmabili e mezzi per l’automazione della maggior parte della composizione tipografica, inclusa la numerazione, i riferimenti incrociati, tabelle e figure, organizzazione delle pagine, bibliografie e molto altro. Ulteriori pregi di LaTeX sono la veloce conversione dei documenti in formato PDF e il poter essere utilizzato anche per creare e editare disegni, tabelle e grafici.

LaTeX è multipiattaforma (funziona su Windows, Linux e Mac) e è applicabile a qualsiasi tipo di documento, sebbene sia molto diffuso in ambito accademico. Viene infatti usato soprattutto da fisici, matematici, informatici e ingegneri per la sua ottima gestione dell’impaginazione delle formule matematiche (anche il motore di Wikipedia utilizza LaTeX per il rendering delle formule) e dei riferimenti bibliografici resa possibile dal progetto gemello BibTeX.
L’impaginazione attraverso LaTex è l’unica ammessa ed accettata per le tesi di laurea in alcune Università.

Svantaggi:

  • la complessità del sistema e l’iniziale fatica da mettere in conto per impadronirsi dei suoi meccanismi, difficoltà tuttavia ampiamente ripagata dai risultati.

 

Microsoft Word

Word è un programma di videoscrittura prodotto da Microsoft a partire dal 1983. È parte della suite di software di produttività personale Microsoft Office, ed è disponibile per i sistemi operativi Windows e OS X. È attualmente il programma del suo genere più diffuso nel mondo.

E’ stato studiato per creare, impaginare, modificare e stampare qualsiasi tipo di testo, per uso sia privato che professionale. Con questo programma si può formattare il testo utilizzando la barra degli strumenti situata in alto. Presenta inoltre funzioni che consentono di creare documenti visivamente gradevoli senza essere grafici esperti. Il programma include poi funzioni di disegno di base, con le quali si possono realizzare semplici forme sia 2D che 3D; comprende anche la funzione WordArt, che si può utilizzare per creare dei titoli colorati con effetti 3D, personalizzabili. Si possono anche inserire nel documento immagini o fotografie (e modificarle all’interno del documento stesso con strumenti quale bianco/nero, saturazione, ritaglio e altri). In maniera simile ad Excel, su Word è consentito inserire funzioni matematiche.

Dalle versioni più recenti la suite Office viene venduta anche in abbonamento con un canone mensile, abbattendo quindi uno dei maggiori contro di Word, gli alti costi di acquisto della sua licenza.

Svantaggi:

  • nonostante le molteplici funzionalità, Word non nasce propriamente come un programma di impaginazione editoriale e grafica, risulterà quindi sempre meno potente e performante rispetto ad altri software sviluppati appositamente per scopi professionali;
  • le numerose opzioni presenti, se da una parte lo rendono un software entry-level versatile e multifunzionale, dall’altra, lo rendono poco adatto ai meno esperti.

 

Microsoft Publisher

Publisher è il programma di impaginazione della suite Office di Microsoft, nato nel 1991 e arrivato fino alla versione 2016.

È considerata un’applicazione entry-level (ossia, non specificamente professionale), e differisce da Word nell’essere più orientata verso la grafica e l’aspetto estetico invece che basarsi maggiormente sul testo. Microsoft l’ha sviluppato con l’idea di un programma facile da usare e alternativo alle applicazioni professionali classiche, orientato a aziende che non hanno un designer dedicato e creano tutto in proprio, senza avere però particolari conoscenze in materia.

Publisher offre la possibilità di lavorare in due modi: o partendo dal foglio bianco oppure scegliendo uno dei tanti template a disposizione, comodamente divisi per categorie (brochure, carta intestata, cartoline, calendari, volantini, etichette etc.). I template predefiniti sono tutti piuttosto originali e graficamente attraenti.
Ricca la rosa di strumenti di editing disponibili, grazie ai quali basta un clic per aggiungere o rimuovere immagini, parole, colori, effetti etc.
Altre caratteristiche positive di questo software sono date dall’ampiezza dell’area di lavoro, studiata per rendere agevole ogni operazione, e dalla molteplicità dei formati supportati; inoltre, integrandosi con SkyDrive, i lavori possono essere salvati anche in tale modalità oltre che in locale.

Svantaggi:

  • le numerose opzioni presenti, se da una parte lo rendono un software versatile e multifunzionale, dall’altra, lo rendono poco adatto ai meno esperti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Crea i tuoi documenti automaticamente

Creare documenti e mantenerli aggiornati può risultare impegnativo anche per i migliori team di marketing.

Con Pagination potrai creare automaticamente documenti professionali in pochi secondi, pronti per la stampa o per la distribuzione digitale.

Scopri di più

Fai una prova gratuita!

Utilizza un nostro template di InDesign gratuito o carica il tuo layout. Impaginare i documenti non è mai stato così facile.